Museo della Pieve di San Giuliano, Collegiata di Castiglion Fiorentino

Vai ai contenuti

L'archivio del Museo della Pieve di San Giuliano

L’ARCHIVIO DELLA COLLEGIATA

Nell’archivio della Collegiata di San Giuliano, fin dalla sua costituzione, il Collegio dei Canonici ha raccolto documenti, scritti che riguardano la fondazione, le donazioni, i possedimenti, l’amministrazione, la costruzione della Nuova Collegiata, i Partiti, la vita della Comunità. Ed è per questo che possiamo parlare di archivio capitolare e archivio parrocchiale: centinaia di filze e di registri, cui si aggiungono una quarantina di pezzi del Fondo Ghizzi divenuti parte integrante di una vecchia segnatura che li ha compresi tra i documenti capitolari. La ricca biblioteca dello storico castiglionese, dopo la sua morte avvenuta nel 1893, da parte della vedova venne in un certo senso smembrata assegnandone buona parte al Comune di Castiglion Fiorentino, alcuni manoscritti vennero ceduti all’Accademia Etrusca di Cortona, altri alla Fraternità dei laici di Arezzo. Una buona parte di scritti e documenti riguardanti chiese, confraternite e beni ecclesiastici, venne ceduta ai canonici del Capitolo della Collegiata dove è rimasta e costituiscono le prime 39 filze  ed altre sparse con numerazioni alterne.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Francesco Onesti, XVII sec.

Francesco Onesti, XVII sec.

Lorenzo Tizi, 1657

Lorenzo Tizi, 1657

Tarquinio Tanganelli, XVIII sec.

Tarquinio Tanganelli, XVIII sec.

L’area cronologica affrontata in questo archivio si estende dal 1445 al 1948, con una prevalenza di documenti che si riferiscono al XVIII-XIX sec., ma senza una suddivisione in serie, tanto che necessita creare un inventario utile per conoscere la materia della quale molti ignorano la esistenza e la consistenza.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

Andrea Nocci, 1773

Andrea Nocci, 1773

Gesualdo Giubbetto, 1774

Gesualdo Giubbetto, 1774

Claudio Billi, Madonna addolorata, sec. XVIII

Claudio Billi, Madonna addolorata, sec. XVIII

L’archivio della Collegiata è stato fino ad oggi  conservato in una cappella della Pieve, precisamente nella cappella di San Donnino, in una libreria addossata alla parete. Con la creazione del Museo della Pieve, l’archivio trova  la sua collocazione nella grande stanza attigua alla Sacrestia dove una serie di ritratti di  personaggi che hanno fatto la storia della Collegiata completano e documentano la storia di questa secolare istituzione religiosa.


La sistemazione dell’archivio nella nuova sala e in nuovi contenitori avviene senza  avere operato un riordinamento necessario per una efficace consultazione, ed anche per una opportuna raccolta della carte in fascicoli consistenti e non ridotti a buste cartacee di vario colore senza consistenza. La stessa materia risulta spesso raccolta in fascicoli infilzati, non integrabili e alternati in filze diverse.

La nuova sistemazione consente la creazione di due settori diversi, uno per così dire anagrafico e uno storico, con segnatura indipendente già fatta esternamente sui raccoglitori e sui registri in numeri arabi manoscritti, ma non sempre leggibili.
La parte dell’archivio parrocchiale comprende una ampia serie di vacchette numerate fino a 192, ma presenti in numero maggiore. Basti pensare che l’ultima registrazione si  riferisce al 1916; la prima che riguarda la Collegiata  registra celebrazioni dal 1653; una della Consolazione parte dal 1620.

Anche nei registri parrocchiali la numerazione è progressiva indipendentemente dalla materia.
Il trasferimento conserva la numerazione data a suo tempo da 1 a 178.
I registri dei battezzati  partono con la registrazione del 1543.
Per i matrimoni si conservano  registri a cominciare dal 1564.
Gli stati d’anime registrano le famiglie della parrocchia dal 1804 al 1910.
I registri dei morti iniziano con il 1666.

Vai alla navigazione

Home | Top

Webmaster: GoalNet Srl :: www.goalnet.it
Copyright© 2006 Museo della Pieve di San Giuliano, Castiglion Fiorentino.

XHTML | CSS | WACG 1.2.3.