Museo della Pieve di San Giuliano, Collegiata di Castiglion Fiorentino

Vai ai contenuti

Opere: la Tonacella di Petreto

Tonacella di Petreto
Manifattura fiorentina
seconda metà sec. XV
velluto tagliato operato a un corpo, lampasso, h cm  110x112
proveniente dalla chiesa di S. Andrea a Petreto

Le tonacelle o dalmatiche venivano indossate dal diacono e dal suddiacono, fino all’abolizione del suddiaconato nel 1972, durante i riti solenni; resta ancora uno dei paramenti del vescovo.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.

La Tonacella di Petreto

La Tonacella di Petreto

Un particolare della Tonacella

Un particolare della Tonacella

Un particolare della Tonacella

Un particolare della Tonacella

È evidente che siamo in presenza di una committenza ricca e raffinata, che per contiguità di luogo e cronologia fa pensare a quella Teodora, figlia di Laurenzia (Laurenzia muore intorno al 1493) e Paolino Visconti (morto nel 1450), andata in moglie ad Antonio Lambardi di Tuori, castello che si trovava appunto nelle vicinanze di Petreto.
Il velluto tagliato a un corpo in seta cremisi che la compone si fabbricava, oltre che a Venezia, in Toscana nelle città di Lucca e Firenze; mostra il motivo della melagrana, che nell’iconografia della chiesa cattolica simboleggia al contempo la vita eterna, la passione di Cristo  e la sua rinascita.
Il tessuto figurato, un lampasso in seta e oro filato, raffigurante la “Natività” con la scritta VERBUM CARO FACTUM EST (Giovanni, 1,14), è ritenuto dagli studiosi un tipico prodotto di manifattura tessile fiorentina per i colori beige e verdi della cimasa. Era inoltre consuetudine che i disegni per tali paramenti venissero forniti dalle più importanti botteghe pittoriche del tempo: Ghirlandaio, Raffaellino del Garbo, Antonio del Pollaiolo, Botticelli, Signorelli.

Vai alla navigazione

Home | Top

Webmaster: GoalNet Srl :: www.goalnet.it
Copyright© 2006 Museo della Pieve di San Giuliano, Castiglion Fiorentino.

XHTML | CSS | WACG 1.2.3.